Arte ed Artisti Consigliati

Jeremy Mann – l’arte espressionista in stile americano

Artista contemporaneo su cui bisogna assolutamente investire.

Jeremy Mann è un artista nato nel 1979, laureato all’Università dell’Ohio con una laurea in lode alla Fine Art-Painting. Successivamente si è avventurato in California dove ha conseguito il Master presso la Academy of Art University di San Francisco.

Da allora, Mann ha suscitato interesse e una grande attenzione da parte del mondo dell’arte. Un documentario girato di recente sulla vita dell’artista, ha ottenuto diversi prestigiosi riconoscimenti e pubblicazioni importanti confermati anche a livello internazionale.

l’unicità dei suoi tratti espressionisti

È incredibile la sua poliedrica capacità di attingere dall’espressionismo classico ed arrivare alla sua originale forma d’arte. La suggestiva narrazione figurativa richiede una visione contemplativa che sappia interpretare il suo messaggio visivo, celebrato dalla delicatezza al contempo aggressiva di figure che emergono dal caos di radice espressionista.

Si evidenzia un radice umorale, legata alla realtà delle cose, che mette in evidenza negli intensi contrasti la sua splendida pittura, pervasa da un’intensa carica emozionale.

L’autentica arte pittorica di Jeremy Mann, nella sua dimensione simbolico-espressionista rivela complesse implicazioni psicologiche, che catturano l’attenzione dello spettatore.

Nei soggetti fisici, gli sguardi enigmatici, sensuali e le armoniose figure che emergono dall’oblio, si rivolgono direttamente allo spettatore, provocando un senso di sgomento in un contesto quasi irreale ma in cui l’osservatore ci si ritrova perfettamente.

È questo mascherare reale ed irreale che rende uniche le opere di Jeremy Mann.

In spazi immensi, dove l’uomo perde la sua unicità, l’uomo in realtà acquista valore, diventandone protagonista.

La sua padronanza tecnica-emotiva ha aumentato l’interesse nei suoi confronti, ed oggi è un artista costantemente ricercato e valutato da collezionisti di tutto il mondo.

Talento lodato dalla critica, da artlovers e da collezionisti, Mann ha visto i suoi dipinti rinnovare le copertine di numerosi magazine, come la rivista American Art Collector e di innumerevoli altre pubblicazioni in tutto il mondo.

Eseguito su pannelli di media e grande scala, ogni emozionante dipinto dimostra lo stile inconfondibile dell’artista.

Le sue tecniche sono in costante evoluzione attraverso la sperimentazione e la personalizzazione dei suoi strumenti e delle superfici, cambiando approccio ed affinando così il suo stile unico e personale.

I suoi marchi di fabbrica sono immediati ed intimi, i tratti dei grossi raschietti creati da lui su misura fugnono da spatole, ma riesce ad utilizzare in maniera così naturale e spontanea qualsiasi cosa, oggetto ed utensile su cui riesce a mettere le mani, trasformandolo in uno strumento di pura creazione.

La moltitudine di solventi e mezzi è parte integrante del processo creativo dell’artista, come il pigmentato stesso: è solito macchiare la superficie, e dopo averla asciugata applica su di essa segni ampi e grintosi, creando, distruggendo e consentendo “incidenti di precisione”.

Si rivolge a composizioni complesse con un occhio maturo e i suoi colori sono sia vivaci che atmosferici, connubio che firma i suoi capolavori.

Mann dipinge con passione i suoi paesaggi urbani, attraverso cui si muove con un’espressione intima e dinamica, intimità già accennata prima.

Un numero di composizioni uniche sono ispirate al substrato della città e alla sua energia, ma anche alla solitudine di un vivace alveare ricco di caotica vita; qui, i lampioni riflessi sulla strada, le tracce nere degli pneumatici sull’asfalto, gruppi di persone raccolte in massa e le maestose insegne al neon, si librano e ballano sotto la pioggia.

In ogni opera, Mann impregna la città con il dramma, l’umore e la personalità.

Sempre ambizioso, Mann copre una vasta gamma di soggetti al di là del paesaggio urbano: scene di interni con soggetti donne giovani, sensuali ed inquiete come la città stessa; un autoritratto audace e intrigante, magici dipinti di nature morte, paesaggi e plein air con momenti di assoluta quiete.

Riempie sketchbook dopo sketchbook, con osservazioni, idee, pensieri, oppure vaghi sogni appena svaniti la notte o sconvolgimenti casuali.

La sua è una costante ricerca in una dinamica documentazione tra emozioni e vita, dove in grande stile espone i suoi ideali personali, mostrando al mondo la sua costante crescita come artista.

PER CONTATTARE L’ARTISTA:
https://redrabbit7.com

articolo a cura di Stefano Fiore